dicembre 16, 2017

La donazione

La donazione di sangue intero, o di soli globuli rossi - piastrine - plasma, è importantissima per il Servizio Sanitario Nazionale.

Il sangue è un componente dell’organismo indispensabile alla vita, ma non riproducibile in laboratorio; costituisce per molti ammalati un fattore unico e insostituibile di sopravvivenza.
In Italia servono mediamente 8000 unità di sangue al giorno.

La sicurezza trasfusionale si basa prima di tutto sulla selezione dei donatori ed ha due obiettivi fondamentali: la tutela della salute di chi dona e la tutela della salute di chi riceve.
Nei confronti del candidato donatore vengono svolte una visita medica ed una serie di test ematoclinici per accertarsi che la donazione non possa provocare danni alla salute del donatore e rischi per il ricevente.
Vengono effettuati i test per l’epatite B e C, per l’AIDS e per la sifilide.

Con la donazione si determina anche il gruppo sanguigno e vengono eseguiti gli esami per valutare lo stato di salute del donatore: emocromo, sideremia, glicemia, creatinina, ALT, colesterolo, ferritina e trigliceridi.
Contestualmente viene fatto compilare un questionario che permetterà al medico di avere un quadro clinico più dettagliato sulla situazione attuale e regressa del potenziale donatore.
La donazione di sangue rappresenta quindi un importante momento di medicina preventiva.
In seguito ad una donazione di sangue, si possono utilizzare i seguenti componenti del sangue: globuli rossi, plasma, e piastrine, plasmaderivati (es. fattori VIII e IX - immunoglobina, albumina).
Oltre alla normale donazione di sangue intero esiste la possibilità di donare solo plasma (plasmaferesi), sole piastrine (piastrinoaferesi), plasma-piastrine (plasmapiastrinoaferesi), gl. rossi plasma (eritroplasmaferesi), gl. rossi-piastrine (eritropiastrinoaferesi) oppure doppia unità di piastrine e di globuli rossi, globuli rossi-piastrine (eritropiastrinoaferesi) oppure doppia unità di piastrine e di globuli rossi.
La donazione in aferesi viene fatta solo su appuntamento e richiede un tempo di esecuzione che può variare dai 20 ai 60 minuti, a seconda del tipo.

Dopo la donazione i risultati degli esami verranno inviati a domicilio unitamente al tesserino di iscrizione all’AVIS.
Ricordiamo che la donazione può essere effettuata ogni 3 mesi.
Lo stato di salute del donatore è monitorato costantemente per mezzo di esami che vengono effettuati ad ogni donazione e dal check up completo eseguito una volta l’anno.
Periodicamente viene effettuato anche l’elettrocardiogramma.
Il donatore ha diritto, su prenotazione, ad una serie di visite specialistiche di vario indirizzo, gratuitamente, presso le sedi di Torino e Pianezza.
Volete saperne di più in merito alla Donazione?
Ecco a Voi il dizionarietto "TUTTO SUL SANGUE - dalla A alla Z".